• 24 Maggio 2024 9:53

ESSEDI Hardware

Nato per informare. News, guide e recensioni hardware a 360°

Recensione Gelid Solutions Phantom Black

image 50404097 1 scaled

Questa settimana abbiamo voglia di pubblicare molte recensioni! Oggi vi portiamo la recensione di uno dei dissipatori torre più economici doppia disponibile sul mercato. Stiamo parlando del Gelid Solutions Phantom Black. Abbiamo chiesto personalmente a Gelid Solutions di inviarci questo dissipatore, visto che eravamo molto interessati a recensirlo visto ciò che prometteva per il suo prezzo (42.99€ su Amazon). Ovviamente gli ringraziamo per avercelo inviato!

recensione gelid solution phantom black

Parliamo subito delle caratteristiche principali di questo dissipatore. E’ un dissipatore doppia torre con il blocco dissipante nichelato di colore nero lucido, davvero stupendo da vedere. Da specifiche inoltre promette di raffreddare processori fino ad un TDP di 200 Watt.

Incluse in confezione ovviamente due ventole da 120mm con frame bianco e ventole nere, anche loro davvero ben fatte, con delle specifiche di tutto rispetto al contrario di quanto si può pensare visto il prezzo irrisorio del dissipatore.

Sono infatti delle ventole di buona fattura, con una plastica per niente “cheap”, anzi, di qualità più alta rispetto a quelle dei suoi concorrenti (sicuramente di qualità migliore rispetto per esempio alle Arctic p12 link). Ovviamente sono delle ventole PWM con un Airflow pari a 65.5 CFM, una velocità massima dichiarata di 1600 RPM e una rumorosità massima pari a 26.7 dbA. Inoltre il dissipatore prevedere la possibilità di installare anche una terza ventola.

phantom black page

Ora che abbiamo dato una prima vista alle caratteristiche principali di questo dissipatore, è ora di passare alla recensione in se! Come nostro solito divideremo la recensione di questo Gelid Solutions Phantom Black in 4 punti: Estetica, Qualità costruttiva, Montaggio, Test. Ad ognuna assegneremo un voto, e daremo un giudizio finale al prodotto nelle nostre conclusioni. Ovviamente se siete curiosi da vedere dal vivo questo dissipatore, e l’analisi delle prestazioni, vi consigliamo di vedere il video sul nostro canale YouTube!

Estetica: 7.5

Parliamoci chiaro, un dissipatore ad aria non avrà mai la bellezza di un dissipatore a liquido, ne sarà ma un bel vedere. Ma questo Gelid Solutions Phantom Black cerca di limitare i danni, senza cadere nella trappola degli “RGB”. Grazie al suo colore del blocco dissipante nero “nichelato” e dalle ventole di colore bianco e dalle sue pale nere, rendono questo dissipatore particolarmente soddisfacente esteticamente parlando.

Esteticamente ha anche un piccolo vantaggio rispetto ai dissipatore a liquido: si riescono a nascondere meglio i cavi, visto che non sono in bella vista come capita con tutte le Pompe degli AIO.

image 50446337 1

Visto il colore bianco delle ventole, questo dissipatore si presta bene anche all’interno di una configurazione totalmente bianca, o anche una parzialmente bianca come la nostra. Se invece la vostra Build è interamente nera, comunque non darà fastidio, anzi le ventole bianche spezzeranno e faranno da contrasto!

IMG20210312221203

Qualità costruttiva: 9

Questo Gelid Solutions Phantom Black mi ha convinto in pieno per quanto riguarda la sua qualità costruttiva. Ricordiamo che questo dissipatore ha un costo davvero basso, parliamo di soli 42.99€ su Amazon. A questo prezzo ci si aspetta, perlomeno per un dissipatore a doppia torre, tutt’altra qualità.

La confezione è davvero curata nei minimi dettagli, sono presenti sia i kit di montaggio per quanto riguarda INTEL, sia per quanto riguarda AMD. Una cosa che ho davvero apprezzato, e che spesso si tende a banalizzare, è la divisione in bustine specifiche per ogni socket, con targhetta annessa. Spesso non ho trovato questo tipo di divisione all’interno della confezione, ed è da diventare scemi in alcuni casi capire il giusto kit di montaggio per il proprio socket.

71WZpH5JppL. AC SL1500

Per quanto riguarda le ventole date in dotazione sono rimasto piacevolmente colpito, non sono ovviamente delle ventole molto costose, ma sono ventole di “sostanza”. Hanno delle caratteristiche di tutto rispetto, e cosa non meno importante, sono molto silenziose ed efficienti. Il design delle ventole stesse è particolare, soprattutto quello della pala. Inoltre ad ogni angolo di montaggio della ventola troviamo un cuscinetto antivibrante testurizzato. Il cavo di alimentazione di questa ventola è 4 pin, quindi PWM.

fan1 Copy 1

Per quanto riguarda invece il blocco dissipante è in rame nichelato, di colore nero e rifinito a specchio. Molto interessante la scelta delle hate pipes, 7 nello specifico, ovviamente in rame ma anch’esse nichelate. Nello specifico ci sono 4 heat pipes più piccole e tre più grandi. Il dissipatore in se ha ben 44 alette, quindi molto denso, motivo per cui le ventole in dotazione hanno davvero una buona pressione statica. La base misura circa 38×38 mm. E’ ovviamente adatta per i processori di AMD con socket AM4 e LGA 1200 di Intel

base Copy 1

Non possiamo quindi che dare un bel 9 a questo dissipatore, complimenti a Gelid Solutions per questa cura nei dettagli molto capillare, calcolando anche il costo irrisorio del dissipatore stesso.

Montaggio: 8

E’ il primo dissipatore che testiamo sia sulla nostra configurazione Intel, sia sulla nostra configurazione AMD. Nel primo caso, Gelid Solutions offre un bracket personalizzato per montare il dissipatore, e nel complesso è molto semplice da montare a differenza di molti dissipatori, in cui bisogna avere più di due mani per montare il bracket posteriore e renderlo ancorato alla scheda madre. Ma il punto più difficoltoso è stato mettere le due viti al centro delle due torri, ma dopo 7/8 tentativi ci si riesce.

Per quanto riguarda invece l’installazione su AMD, il procedimento è praticamente identico a quello di Intel, tranne che al contrario di Intel per AMD si utilizza il bracket originale della scheda madre. In un primo momento su AMD il dissipatore sembra traballante, come se il bracket fosse sbagliata o non compatibile, ma una volta strette le viti per bloccare il blocco dissipante il dissipatore sarà perfettamente ancora alla scheda madre.

Image7

Diciamo che questo dissipatore non passa con un 10 e lode, ma un bell’8 se lo merita visto la sua semplicità di montaggio e la qualità costruttiva del kit (almeno per intel) elevata, peccato per la difficolta di montare le due viti al centro delle due torri, ma ci si riesce con un po di pazienza.

Test: 8.5

Lato prestazione questo Gelid Solutions Phantom Black si è comportato benone per essere un dissipatore economico, e soprattutto visto che lo abbiamo confrontato con dei dissipatori a liquido da 360mm. C’è una cosa però che non ci ha convinto molto, ovvero il reale TDP che questo dissipatore riesce a dissipare. Ma lo analizzeremo meglio tra poco.

Per quanto riguarda i risultati nei grafici del Liquid Freezer, crediamo che il nostro dissipatore ha problemi visto le sue prestazioni scadenti in confronto a quelle che ci si aspetterebbe.

La build della nostra testbench con Intel:

Cpu –Intel i5 10600K (link)

Scheda madre – asrock z490 steel legend (link)

Ram – Crucial Ballistix 2x8gb 3600mhz (link)

Case: (link)

Ssd – Crucial BX500 240gb (link)

Alimentatore – Sharkoon WPM 750 Gold (link)

La build del nostro pc personale con AMD:

Scheda video – Gigabyte GeForce RTX 3080 VISION OC (link)

Cpu – Ryzen 5 5600x (link)

Scheda madre – B550-A ASUS rog strix (link)

Ram – Crucial Ballistix 2x8gb 3600mhz (link)

Case: Phantek P500A DRGB WHITE (link)

Ssd – Pioneer 2TB NVMe PCIe (link)

Per quanto riguarda i test sono stati con pasta termina ARCTIC MX-4 (link). Per quanto riguarda i test nella testbench, i dati non sono influenzati dall’ airflow del case visto che il case è ad aria aperta. Per quanto riguarda invece i test nel case chiuso (AMD) i test sono stati effettuati con un airflow regolato, ovvero tutte le ventole del case sono state impostate con una percentuale fissa, ovvero al 50%. Specifichiamo che le temperature della stanza sono state normalizzate a 19 gradi.

Ora che sono state fatte le dovute premesse passiamo direttamente ai test, nello specifico per ogni dissipatore, compreso il Gelid Solutions Phantom Black abbiamo fatto ben 3 test della durata di un ora (ogni singolo test è durato un ora) su aida64 in calcoli FPU per quanto riguarda la configurazione Intel, e 3 test della durata di 20 minuti (ogni singolo test è durato 20 minuti) su aida64 sempre in calcoli FPU..

Sulla Configurazione Intel abbiamo tenuto il nostro Intel Core i5 10600k in auto con ventole a 1000 RPM, nel secondo test abbiamo impostato un profilo di OC a 5Ghz con un voltaggio di 1.35v e ventole a 1000 RPM, e nel 3 sempre in OC a 5Ghz con un voltaggio di 1.35v ma con ventole al 100%. In auto questo processore consuma all’incirca 110 watt, mentre per quanto riguarda in OC arriva anche a consumare 175 watt.

Sulla Configurazione Amd invece abbiamo tenuto il nostro Ryzen 5 5600x con un profilo a 4.2Ghz a 1.1v a 1000 RPM, nel secondo test abbiamo utilizzato lo stesso profilo a 4.2Ghz a 1.1 ma con velocità al 100%, e nel 3 invece un profilo in OC a 4.6Ghz con un voltaggio di 1.35v ma con ventole al 100%. A 4.2Ghz a 1.1 questo processore consuma all’incirca 60 Watt, mentre per quanto riguarda in OC arriva a consumare tra i 90 e 100 Watt.

Risultati test Phantom Black + Intel Core I5 10600K

Test auto + 1000RPM FAN

Noua Siberus TR360 test AUTO 10600K 100RPM IDLE
Noua Siberus TR360 test AUTO 10600K 100RPM

Come possiamo vedere in questi test il Gelid Solutions Phantom Black per essere un dissipatore ad aria si comporta bene, ma non al top. Abbiamo una temperatura massima di 75 gradi, che comunque rientra abbondantemente nella massima temperatura dei processori intel di decima generazione, ovvero 95 gradi.

Test OC 5.0Ghz a 1.35v + 1000RPM FAN

Noua Siberus TR360 test OC 10600K 100RPM
Noua Siberus TR360 test OC 10600K 100RPM

Purtroppo questo secondo test, in OC a 5Ghz e con ventole impostate a 1000RPM non siamo riusciti a completarlo. All’incirca dopo 25 minuti purtroppo il AIDA ha registrato una temperatura maggiore di 95 gradi, quindi diamo questo test per non completato. Purtroppo con una velocità cosi ridotta questo dissipatore non riesce a passare questo test.

Test OC 5.0Ghz a 1.35v + 100% FAN

Noua Siberus TR360 test OC 10600K IDLE
Noua Siberus TR360 test OC 10600K

Per quanto riguarda invece il test in OC ma con ventole al 100% riusciamo a completare il test di un ora, ma davvero per un soffio. Infatti registriamo una temperatura massima di 95 gradi e una temperatura media di 89. Considerando che siamo all’incirca a 175 watt di consumo, possiamo dire che questo dissipatore non riesce a dissipatore un processore con TDP fino a 200 watt, ma crediamo che sia proprio 175 watt il tetto massimo, e oltretutto con ventole al 100% (molto udibili a questa velocità)

Risultati test Phantom Black + Ryzen 5 5600X

Test 4.2Ghz + 1000RPM

4.2ghz 1.1v 1000rpm

Come possiamo vedere in questi test il Gelid Solutions Phantom Black per essere un dissipatore ad aria si comporta davvero bene. Notiamo come a questa velocità riesce ad avere una temperatura in IDLE simile a quelli dei dissipatori a liquido, e una temperatura media durante il test addirittura più bassa del dissipatore a liquido di SilentiumPC. Ovviamente bisogna ricordare che sui dissipatori ad aria la riduzione dei giri delle ventole li rende molto meno efficienti, mentre nei dissipatori a liquido influisce meno la velocità delle ventole.

Test 4.2Ghz + 100% FAN

4.2ghz 1.1v

Sulla nostra Bench AMD abbiamo provato vari dissipatori a liquido, ma nessun dissipatore ad aria. E’ impressionante vedere come con questa situazione (TDP 60 WATT) molto simile all’utilizzo in gaming e/o leggero stress in rendering/editing il Gelid Solutions Phantom Black si comporta non egregiamente, di più! Eguaglia infatti la temperatura media del miglior dissipatore (a liquido e da 360) da noi provato, il Thermaltake TH360. Ricordiamo che questo dissipatore costa 40€, mentre il Thermaltake TH360 ne costa 150€ e in situazione simili si comportano uguali.

Test OC 4.6Ghz + 100% FAN

4.6ghz 1.2375v

Anche per quanto riguarda in OC (TDP 90/100 WATT) questo dissipatore si comporta davvero bene, quasi eguagliando le prestazione dell’Enermax Liqmax III e battendo di nuovo il SilentiumPC, e anche con buone temperature in Idle. Non parliamo inoltre della differenza che passa tra il dissipatore Wraith Prism (OEM Cooler Master) e il nostro Gelid Solutions, più di 10 gradi.

Test Extra OCCT a 4.45 Ghz e 1.25v

Abbiamo inoltre effettuato un paio di test su OCCT sulla build con Ryzen 5 5600X, ma non abbiamo paragoni con altri processori ma vi aggiungiamo comunque i risultati dei test a questa recensione.

Stress Test AVX2 30 Minuti con un profilo a 4.45Ghz e 1,25V: Temperatura massima di 87 gradi e un AVG di 84.3 gradi.

Stress Test AVX 30 Minuti con un profilo a 4.45Ghz e 1,25V: Temperatura massima di 88 gradi e un AVG di 82.2 gradi.

Gelid Solutions Phantom Black: conclusioni.

Il voto medio finale del Gelid Solutions Phantom Black dato da noi e un bel 8.25, un voto più che buono, e molto influenzato dall’estetica, che purtroppo non è il punto di forza di ogni dissipatore ad aria. Diciamo che questo dissipatore ci ha convinto pienamente per quanto il resto, e soprattutto per quanto riguarda prestazioni, anche se i test sulla nostra Testbench Intel ci ha fatto un po storcere il naso.

Purtroppo il TDP comunicato da gelid solutions è davvero al limite, abbiamo testato come già con 175 watt questo dissipatore inizia a fare fatica, soprattutto se non con le ventole al 100% (al 100% arriva a una temperatura massima di 95 gradi dopo un ora e un AVG di 89). Ciò non vuol dire che non è un buon dissipatore, ma credo che con questa informazione Gelid Solutions ha un po’ esagerato, anche se comunque 175 Watt è un valore molto vicino ai 200 da loro dichiarati. Ma bisogna sempre valutare queste prestazioni in base al prezzo del dissipatore.

Per quanto riguarda invece i test effettuati su AMD, possiamo davvero verificare le doti di questo dissipatore, capace di fronteggiare, di eguagliare e in alcuni casi addirittura di sconfiggere i suoi sfidanti a liquido. E la cosa simpatica è che lo fa ad un terzo del prezzo di questi dissipatori. Spesso si pensa che i dissipatori a liquido rendono meglio, ma non sempre è vero, dipende da diversi fattori, infatti vediamo come sul Ryzen 5 5600x i dissipatori a liquido siano totalmente inutili, visto le prestazioni molto simili al nostro Phantom Black, mentre su Intel vediamo che sono gli unici a mantenere “fresco” l’i5 10600K overcloccato.

Personalmente consiglieri di acquistare questo articolo sia a chi ha un processore Intel e vuole fare un leggero OC (non spinto come il nostro, e soprattutto non sperate di fare OC su processori come i7 o i9) o per tutti quelli che hanno un processore AMD Socket Am4 e vogliono anche praticare OC. Ovviamente è sottinteso che se volete sostituire il vostro dissipatore originale sia su AMD sia Intel, visto il prezzo di soli 40€, questo dissipatore fa al caso vostro.

C’è poco da dire infatti, al suo costo di 40€ (link amazon) è best buy. E’ molto versatile, e soprattutto fino a un TDP di 100 watt, ha prestazioni molto simili a un dissipatore a liquido da 360mm. Se siete interessati a scoprire il catalogo Gelid Solutions vi consigliamo di dare un’occhiata al loro sito e se avete bisogno di altre informazioni non menzionate in questa recensione, potete trovarle a questo link!

Per altre recensioni visita questo link!

acquista gelid solution phantom black
3 commenti su “Recensione Gelid Solutions Phantom Black”
  1. Greetings from Los angeles! I’m bored at work so I decided to check out
    your site on my iphone during lunch break. I really like the information you
    present here and can’t wait tto take a look when I get home.I’m shocked at
    how quick your blog loaded on my mobile .. I’m not even uxing
    WIFI, just 3G .. Anyhow, fantastic blog!
    Lifetime cooller webpage 6 pack
    coolers

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *