• 24 Maggio 2024 9:52

ESSEDI Hardware

Nato per informare. News, guide e recensioni hardware a 360°

Recensione – Noua Subzero AT 240 Dissipatore a liquido ARGB

nouabella

Questa settimana vi abbiamo già portato una recensione di un dissipatore a liquido, nello specifico del LC-CC-240-LiCo di LC-Power. Oggi invece vi portiamo la recensione del nuovo dissipatore a liquido di Noua, il Subzero AT 240 (sub-zero 240). E’ un dissipatore a liquido dal prezzo di listino di 99€ (Amazon) e su carta promette davvero delle ottime prestazioni. Vediamo un po’ le sue caratteristiche generali!

Subzero AT 240 scatola

Caratteristiche generali:

Parliamo subito delle caratteristiche principali di questo dissipatore. E’ un dissipatore a liquido da 240 con sia le ventole, sia la pompa ARGB, e con waterblock ad effetto specchio. Caratteristica principale di questo Subzero AT 240, al contrario del 98% dei dissipatori a liquido, è la pompa non presente nel water block della CPU, ma è a metà del circuito, proprio sui tubi. Questa caratteristica lo rende molto simile al Be Quiet Pure Loop (link), e infatti l’OEM (Apaltek) dovrebbe essere lo stesso. Qualità costruttiva al top e prezzo super competitivo!

Incluse in confezione ovviamente due ventole da 120mm con frame nero con pale RGB, davvero ben realizzate e di ottima fattura. Infatti in queste ventole troviamo un estrema cura nei dettagli, e anche le caratteristiche sono davvero buone, visto i 61.5 CFM, i 2000RPM di velocità massima e una pressione statica di ben 2.8mmH20 (molto simile alla pressione statica di ventole da 140mm come le corsair ML140 PRO RGB ). Inoltre a un rumore dichiarato massimo di 31dbA.

Anche la pompa ha caratteristiche di tutto rispetto, visto la velocità di ben 52000 RPM (5300+ durante i test)e una rumorosità al di sotto dei 30dbA, e vi posso confermare quanto sia inudibile. Ovviamente la pompa è realizzata con cuscinetti ceramici.

Subzero AT 240 retro scatola

Ora che abbiamo dato una prima vista alle caratteristiche principali di questo dissipatore, è ora di passare alla recensione in se! Come nostro solito divideremo la recensione di questo Noua Subzero AT 240 in 4 punti: Estetica, Qualità costruttiva, Montaggio, Test.

Ad ognuna assegneremo un voto, e daremo un giudizio finale al prodotto nelle nostre conclusioni. Ovviamente se siete curiosi da vedere dal vivo questo dissipatore, e l’analisi delle prestazioni, vi consigliamo di vedere il video sul nostro canale YouTube!

Estetica: 9.5

C’è poco da dire sull’estetica di questo dissipatore… E’ davvero uno dei più belli esteticamente, un po come era successo anche per il Noua siberus che abbiamo testato di recente . Amiamo infatti l’estetica dei dissipatori Noua, e questo Subzero AT 240 non è da meno, ovviamente anche grazie all’estrema cura dei dettagli.

Subzero AT 240

L’illuminazione del Subzero AT 240, sia per quanto riguarda le ventole, sia per quanto riguarda il water block, è perfetta. Sulla pompa i punti luce non sono presenti, e sono leggermente visibili alla base delle pale, ma soddisfano pienamente i miei gusti sopraffini.

Non riesco a trovare qualche dettaglio da criticare, è davvero tutto così perfetto, forse l’unica cosa da criticare è il logo del water block che non è possibile girare in caso si vuole montare la pompa con i tubi verso sinistra invece che destra (magari per un miglior posizionamento dei tubi, anche visto la pompa posizionata proprio all’altezza della possibile ventola di estrazione di un case).

nouabella2 1

Esteticamente parlando, non possiamo che dare un 9.5/10 a questo dissipatore. Sicuramente riuscirebbe a recuperare quel mezzo punto, se solo fosse un dissipatore bianco. Ha davvero un estetica accattivante, soprattutto per quanto riguarda la pompa, ed è quello che conta per un dissipatore a liquido!

Qualità costruttiva: 9

Questo dissipatore a liquido Noua Subzero AT 240 mi ha convinto in pieno per quanto riguarda la sua qualità costruttiva, soprattutto relazionando la qualità al costo del dissipatore. Per soli 99,90€ di listino offre davvero una qualità premium, soprattutto visto alla qualità dei dettagli del dissipatore in se.

La prima cosa che ci risalta agli occhi appena apriamo la confezione sono le ventole di questo dissipatore, che già durante l’analisi principale abbiamo elogiato per le sue caratteristiche da ventole top di gamma, visto la loro altissima pressione statica.

La qualità costruttiva di queste ventole è davvero interessante, soprattutto nella cura dei dettagli come per esempio il lato antivibrante in gomma che va a prolungarsi per tutta la ventola creando una decorazione della stessa. Il peso della ventola è importante, segno di una ventola non “cheap”. Per quanto riguarda i collegamenti abbiamo alimentazione a 4 pin PWM e delle prese splittate per gli ARGB, con collegamento standard a 3 Pin.

Da segnalare un design delle ventole molto simile alle P12 delle Arctic (link), un design che privilegia la pressione statica all’airflow. Un vero passo avanti dai vecchi Noua Siberus, i quali avevano ventole con un design da Airflow e non dall’elevata pressione statica.

ventole Subzero AT 240

Dopo aver elogiato le ventole di questo dissipatore, e ora da vedere da vicino sia la pompa sia il radiatore, il cuore di questo dissipatore. La qualità costruttiva sia della pompa sia del radiatore è davvero buona. La plastica sia del water block sia della pompa è davvero solida, al tatto quasi “premium”. Non ho trovato imperfezione sul radiatore, segno di un buon controllo qualità. Nessun coil whine almeno su questo esemplare, top per Noua!

noua belloooo

Il radiatore di questo Subzero AT 240 ha delle dimensioni standard, con un altezza di 27mm e 277mm di lunghezza. Le dimensione della pompa è molto contenuta, parliamo di 75 mm di circonferenza e 53mm di altezza. Per quanto riguarda il montaggio delle ram, non segnalo problemi rilevanti, visto lo spazio contenuto di questo dissipatore, e inoltre da segnalare che il logo di Noua non permette di essere girato, quindi la pompa deve per forza essere montato con i tubi a destra se si vuole avere il logo al verso giusto.

Da segnalare la presenza di una valvola di sfiato sul lato del radiatore, per drenare l’aria in eccesso all’interno da utilizzare solo in caso di necessità visto che utilizzarla invalida la garanzia.

La pompa è realizzata con cuscinetti di tipo ceramico, ed è dotata di un connettore di alimentazione a 3 pin e un connettore splittato per gli ARGB. Da segnalare che questa pompa non utilizza nessun collegamento di corrente esterno, quindi nessun sata e/o molex, cosa davvero gradita da parte mia.

pompa su tubi Subzero AT 240

Come già citato all’inizio di questo articolo, sappiamo di preciso l’OEM poiché Noua non lo ha comunicato, ma grazie ad altri recensori, sappiamo che l’OEM è Apaltek, stesso OEM di Enermax e anche dei nuovi dissipatori a liquido Pure Loop di Be Quiet.

La base della pompa ha una lappatura ben fatta con porosità inesistenti. Per quanto riguarda invece il materiale è in rame, ma ovviamente trattato per resistere il più possibile alla corrosione galvanica dovuta dal fatto che il radiatore in questo loop è in alluminio. Che dire, anche qui top per Noua!

pompa Subzero AT 240

Nella confezione di questo Subzero AT 240 sono presenti sia un controller per gli RGB, sia i kit di montaggio per quanto riguarda INTEL, sia per quanto riguarda AMD. In confezione anche un tubetto di pasta termica prodotta, marchiata AIGO. Non ho provato personalmente questa pasta visto che per effettuare i test utilizzo sempre l’ARCTIC MX-4 per standardizzare tutti i vari test. Una cosa che amo, quando presente, è trovare i vari kit di Montaggio suddivisi per bustine con targhetta di riferimento per ogni socket. Caratteristica non da poco, visto che indica una cura nei dettagli!

kit montaggio Subzero AT 240

Ultima informazione, ma non scontata, Noua per questo dissipatore offre due anni di garanzia! Non possiamo quindi dare un bel 9/10 come voto finale per questa sezione, visto la qualità costruttiva complessiva davvero ottime, una cura maniacale per i dettagli, e un ottimo controllo qualità.

Montaggio: 7

Per quanto riguarda il montaggio di questo subzero AT 240, è un montaggio senza infamia e senza lode. Purtroppo ogni volta che troviamo un montaggio con dei blocchi che riescono a reggere backplate alla mobo senza montare la pompa, e un secondo dado che va a bloccare la pompa sul socket della mobo (stile pompe asetek) storciamo il naso.

Abbiamo montato questo dissipatore su scheda madre Z490 Steel legend Asrock, quindi su socket 1200, con qui questo dissipatore è pienamente compatibile. Non abbiamo potuto provare questo dissipatore su socket AM4, ma il montaggio sia su AMD sia su INTEL è molto simile, l’unica differenza è che su AMD questo dissipatore viene montato

Di per sé le istruzioni per il montaggio sono molto brevi, e istruzioni molto brevi sono sinonimi di semplicità, ed in parte è vero. Dopo aver posizionato il backplate (che non si regge da solo sia tenendo la scheda madre in verticale, sia in orizzontale) bisogna tenere la pompa verso il socket e poi avvitare la vite con molla per tenere ferma la pompa sul backplate.

montaggio Subzero AT 240

C’è solo una cosa che non è semplice durante il montaggio, ovvero contemporaneamente tenere la pompa schiacciata verso la scheda madre, tenere il backplate dietro e avvitare le viti con molla sul backplate…. Purtroppo abbiamo solo due mani, non tre!

I socket con qui questo dissipatore è compatibile sono:

Intel LGA: 775/1150/1151/1155/1156/1200/1366/2011 / 2011-3 / 2066

AMD: FM1 / FM2 / FM2 + / AM2 / AM2 + / AM3 / AM3 + / AM4

Diciamo che con un po di pazienza e un po di inventiva, si riesce comunque a trovare una soluzione per riuscire a montarlo da solo senza chiedere la mano ad una seconda persona. Quindi, diamo come voto un 7/10, visto il 7.5 che abbiamo dato al dissipatore di LC-Power che risulta più semplice.

Test: 9

Abbiamo parlato molto di questo dissipatore, ma non abbiamo ancora discusso di un argomento molto importante per un dissipatore, ovvero le sue prestazioni. E’ arrivato quindi il momento di analizzare i risultati dei test di questo Noua subzero AT 240. Prima però di analizzare i test effettuati, c’è da dire che tra i nostri test non ci sono molti dissipatori all’infuori dei 360, di cui abbiamo testato vari modelli, ma vi anticipiamo che questo dissipatore si avvicina davvero molto alle prestazioni dei 360.

Per quanto riguarda i test sono stati effettuati con pasta termina ARCTIC MX-4 (link). Inoltre i test non sono influenzati dall’ airflow del case visto che il case è ad aria aperta.

La build della nostra testbench con Intel:

Cpu –Intel i5 10600K (link)

Scheda madre – asrock z490 steel legend (link)

Ram – Crucial Ballistix 2x8gb 3600mhz (link)

Case: (link)

Ssd – Crucial BX500 240gb (link)

Alimentatore – Sharkoon WPM 750 Gold (link

Ora che sono state fatte le dovute premesse passiamo direttamente ai test, nello specifico per ogni dissipatore, compreso il subzero AT 240, abbiamo fatto ben 3 test della durata di un ora (ogni singolo test è durato un ora) su aida64 in calcoli FPU.

Nel primo test abbiamo tenuto il nostro Intel Core i5 10600k in auto con ventole a 1000 RPM, nel secondo test abbiamo impostato un profilo di OC a 5Ghz con un voltaggio di 1.35v e ventole a 1000 RPM, e nel 3 sempre in OC a 5Ghz con un voltaggio di 1.35v ma con ventole al 100%. In auto questo processore consuma all’incirca 110 watt, mentre per quanto riguarda in OC arriva anche a consumare 175 watt.

Visto che in uno dei nostri test alcuni dissipatori fanno fatica (come già visto nei test del Gelid Solution con il test in OC a 5ghz e a 1.35v con ventole a 1000RPM e anche sul LC-Power Lico 240 sempre nello stesso test) abbiamo deciso di introdurre due nuovi test. Un test sarà effettuato con OCCT per 30 minuti con pacchetti small AVX2 con processore in auto e velocità delle ventole a 1000RPM, e un altro test sempre su aida64 di un ora in cui verranno selezionato tutte le opzioni della CPU durante lo stress test, simulando quindi un utilizzo di stress vario, molto simile al carico che il nostro processore può incontrare nel mondo reale.

Risultati test Noua subzero AT 240 + Intel Core I5 10600K

Test auto + 1000RPM FAN 1 Ora Stress Test FPU

test Subzero AT 240

E’ davvero interessare notare come si comporta questo dissipatore da 240. Vediamo infatti come nei test con frequenze e voltaggio in auto questo dissipatore si comporta davvero bene, eguagliando i risultati di alcuni dissipatori a liquido da 360 e distante solo di qualche grado dai migliori dissipatori da noi testati. Tra tutti i dissipatori testati, solo uno riesce a sorpassare di molto gli altri in questo test, ed è l’Enermax Liqmax III.

Vediamo infatti come riesce a tenere un buonissimo AVG di 68 gradi e una temperatura massima davvero contenuta, soli 71 gradi, che al confronto con tutti i dissipatori a liquido da 360 è davvero bassa.

Test OC 5.0Ghz a 1.35v + 1000RPM FAN 1 Ora Stress Test FPU

test Subzero AT 240

Passiamo ora a un test che mette a dura prova quei dissipatori con ventole con una “povera” pressione statica da parte delle ventole (come il Lico di LC-Power), oppure con un TDP di target basso (come il GD Phantom Black). Ma il Subzero AT 240 non si è fatto mettere paura, e anche se HWinfo ha segnato 96 gradi, Aida non ha rilevato questa temperatura massima ed è riuscito a completare lo stress test di un ora.

In questo test vediamo un distacco importante nei risultati, un dato ovvio, visto che 120mm di differenza sul radiatore e una ventola in meno, si fanno più che sentire, ma già esser riuscito a completare questo test è una vittoria per questo 240.

Test OC 5.0Ghz a 1.35v + 100% FAN 1 Ora Stress Test FPU

test Subzero AT 240

Per quanto riguarda invece il test in OC ma con ventole al 100% viene completato con risultati davvero interessanti. Vediamo anche qui come questo dissipatore riesce a competere con la maggior parte dei 360 in lista, con scarti massimi di 1/2 gradi. Inoltre ha una temperatura in idle tra le migliori nei nostri test.

Consideriamo anche che queste prestazioni, rapportate al prezzo di soli 99,90€, sono davvero al top, visto che i dissipatore più economici costano almeno tra i 10€ e i 20€ in più (escluso il Lico), quindi davvero ottimo per Noua!

Test Auto + 1000RPM AVX2 Pacchetti Small 30 Minuti

test Subzero AT 240

In questo test vediamo come il nostro Subzero at 240 prende una “piccola” paga dall’unico 360 testato con questo nuovo test, ma parliamo alla fin fine di soli 3 gradi sull’avg e 2 gradi sulla temperatura massima. Si conferma quindi davvero un ottimo dissipatore, ed è anche da considerare il prezzo di lisino del DeeCool di 139,90€.

Test 5ghz + 1000RPM AIDA All FLAG 1 ORA

test Subzero AT 240

Carico molto più leggero, che simula nella vita reale come questo dissipatore si comporterebbe con un carico misto per un ora in OC a 5ghz. Troviamo di nuovo lo stesso distacco di 3 gradi dal DeeCcool, di nuovo un ottimo risultato per questo dissipatore!

Valutazione finale Noua subzero AT 240: 7.75/10

Conclusioni:

Il nostro voto medio finale del dissipatore a liquido AIO LC-Power LC-CC-240-LiCo e un bel 8.625/10, un voto più che buono, e molto influenzato dal montaggio che purtroppo non è il punto di forza di questo dissipatore. Con un montaggio simile ai dissipatori DeepCool o quelli con pompa asetek, sarebbe uscito da questa recensione con un punteggio maggiore.

Punti di forza di questo dissipatore? E’ perfetto esteticamente parlando, accattivante e davvero bello da vedere, e con prestazioni davvero elevate per essere un 240. Noua con questo dissipatore segna un passo avanti, visto la qualità e la cura nei dettagli di questo dissipatore. Siamo davvero soddisfatti del passo in avanti che è stato fatto da Noua dalla serie Siberus a questa nuova serie subzero. Speriamo di vedere versione anche da 360 di questo dissipatore!

Personalmente consiglieri di acquistare questo articolo a chi vuole spendere un massimo di 100€ per il dissipatore, ma che cerca estetica e prestazioni al top! Bisogna inoltre dire che questo dissipatore è adatto a chi ha un processore Intel e vuole fare OC (non spinto e senza pensare di tenere le ventole “calme”) sia su i5 e mi sento di raccomandare anche un i7, ho un po di dubbi sull’i9.

Ovviamente invece mi sento di consigliare questo dissipatore a tutti quelli che hanno un processore AMD Socket Am4 e vogliono anche praticare OC, visto che le temperature di esercizio su AMD sono davvero più basse, visto i watt ridotti dal processo produttivo a 7nm.

Sul sito di Noua ancora non è presente una pagina per leggere tutte le varie caratteristiche del dissipatore, ma arriverà presto! Trovate comunque tutte le caratteristiche all’interno di questa recensione! Vi lasciamo comunque il loro sito ufficiale! Interessato ad altre recensioni? Dai un occhiata a questo link!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *