• 24 Maggio 2024 9:38

ESSEDI Hardware

Nato per informare. News, guide e recensioni hardware a 360°

Confermato: Hash Mining al 100% tramite driver su RTX 3060

NVIDIA GeForce RTX 3060 Hero 1

Come già vi abbiamo parlato negli articoli precedenti, la nuova RTX 3060 è la prima scheda ad avere a bordo un firmware con blocco per il mining integrato che ridurrà automaticamente il suo hash rate in mining del 50%.

In un primo momento tutti hanno pensato a un blocco driver da parte di NVIDIA, ma in un secondo momento NVIDIA stessa ha dichiarato che il blocco era più complesso di quello che si poteva pensare. Infatti oltre ad avere dei driver particolari, questo blocco era stato introdotto anche a livello di bios e di hardware stesso, ed è stato tutto confermato dal blog di NVIDIA tramite Bryan Del Rizzo.

Cosa si poteva desiderare di più? Sembra tutto studiato alla perfezione, quindi problema scorte ridotte per causa dei miners risolto. E invece no, perché quest’oggi NVIDIA è stata smentita.

mining sbloccato limitatore ash rtx 3060 etheru,

Tramite i nostri colleghi di Videocardz, sappiamo che è possibile aggirare questo blocco semplicemente installando dei driver specifici. Questa notizia è stata conferma a Videocardz tramite coloro che avevano testato con mano le prestazioni della RTX 3060 senza blocchi e/o limitazioni in mining, ovvero PC WatchHardwareLuxx e ComputerBase

Infatti secondo loro, e confermano sia così, basta utilizzare il driver NVIDIA GeForce 470.05 e per magia il blocco per il mining di Ethereum non funzionerà. Prima di queste conferme era stato affermato che utilizzando un BIOS e dei driver speciali il blocco poteva essere rimosso facilmente. A quanto pare il blocco può essere rimosso semplicemente sostituendo i driver, senza flashare un nuovo firmware. 

mining sbloccato limitatore ash rtx 3060

Il driver è disponibile tramite un programma BETA e non è disponibile pubblicamente. Sembra che però questo driver funzioni solo sulla scheda video principale del sistema in utilizzo (o comunque sulle GPU installate direttamente sulla scheda madre), quindi non su tutte le GPU in esecuzione. Se siete curiosi di vedere i post delle conferme, vi invitiamo caldamente di leggere l’articolo di riferimento di Videocardz qui.

Inoltre poco fa NVIDIA ha rilasciato una dichiarazione, in cui spiegano come il driver incriminato sia finito per sbaglio in mano dei sviluppatori e confermano che questo software non è mai stato disponibile pubblicamente. NVIDIA ha confermato che si trattava di un driver di sviluppo interno che aveva il blocco per il mining disabilitato.

Il driver quindi secondo le dichiarazioni non funziona per tutte le schede grafiche. Inoltre non funziona per le schede grafiche che non hanno un cavo HDMI o DP collegato a un monitor, o se la scheda grafica viene utilizzata con un riser. Inoltre lo sblocco funzionerà anche con più di un GPU, ma solo se collegate alla scheda madre direttamente, come detto in precedenza.

Secondo alcune indiscrezione la procedura funziona solo su alcune schede. le schede ASUS, Palit, EVGA, GALAX, Gigabyte e MSI sembrano funzionare con questo driver, mentre alcune persone riscontrano problemi con le schede grafiche ZOTAC e Inno3D.

Blocco per il mining… NVIDIA battuta dai miners.

Purtroppo quello che ci si aspettava è successo… In meno di due settimane si è trovata la soluzione a questo blocco per il mining, e anche in maniera molto semplice. Come si comporterà NVIDIA con le prossime schede, come la RTX 3080 Ti?

Vi consigliamo di restare aggiornati tramite la nostra pagina facebook e la categoria sul sito dedicata.

1 commento su “Confermato: Hash Mining al 100% tramite driver su RTX 3060”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *